AMPOLLA TERMO-ELETTRICA - hydrobetatron

Vai ai contenuti

Menu principale:

AMPOLLA

“Solar Ball”®
  Impianto e Processo per la produzione di: acqua calda, aria calda e di energia elettrica.

Se sei interessato a produrre e/o commercializzare questo disposito inviaci una mail a:

contatti@hydrobetatron.org


INTRODUZIONE:

L’ Ampolla termo-elettrica: “solar ball” è un dispositivo per produrre energia in diverse forme, versatile e totalmente ecologico. Non utilizza combustibili di origine fossile, ma solo l’ energia solare, e per tanto non immette in atmosfera gas serra. Per tanto potrà sostenere il benessere materiale delle Persone e di piccole comunità, in diversi modi sotto descritti, in particolare del terzo Mondo, e contribuire anche al risanamento del pianeta Terra.

La disponibilità di energia è motore di sviluppo economico, e se l’energia è distribuita, di costo basso o nullo, e alla portata di tutti i Popoli, essa è anche fonte di democrazia e progresso sociale. Mettere a disposizione acqua potabile per chi ne è attualmente privato, riveste altrettanta evidente importanza.


Fig. 1. Vista generale


DESCRIZIONE:


SINERGIA TRA FENOMENI FISICI NOTI, TALI DA MASSIMIZZARE IL CALORE PRODOTTO, E QUINDI IN GRADO DI PRODURRE ENERGIA PULITA IN DIVERSE FORME, E CONSENTIRE ANCHE LA DEPURAZIONE DELL’ACQUA DOLCE E LA DISSALAZIONE DELL’ ACQUA SALATA, RENDENDOLE ENTRAMBE POTABILI

L’ Ampolla termo-elettrica : “solar ball” sfrutta contemporaneamente 8 principi fisici noti:

-l’effetto serra, ovvero l’ aria contenuta all’ interno di un contenitore trasparente, (la Nostra ampolla), se investito dai raggi solari, viene scaldata naturalmente

-L’effetto ottico, ovvero con l’ utilizzo di una lente ottica positiva si concentrano i raggi solari sulla superficie metallica superiore della caldaietta metallica contenuta nell’ ampolla, il fenomeno della concentrazione della luce solare  massimizza l’ effetto termico sulla caldaietta.

-L’effetto specchio, ovvero la semisfera inferiore è rivestita di una vernice, o materiale, riflettente specchiante, tale da produrre il noto effetto Archimede di concentrazione dei raggi solari provenienti dal sole, verso la caldaietta, contribuendo a far salire la temperatura dell’ acqua o aria contenute al suo interno.

-L’effetto corpo nero, ovvero i corpi neri e scuri, attirano il calore. La caldaietta interna in cui scorre l’ acqua, collocata nell’ ampolla, è fatta di metallo “scuro”.

-L’orientamento tramite inseguitore solare, ovvero un meccanismo a motore azionato elettronicamente che consente all’ Ampolla termo-elettrica: “solar ball” di essere automaticamente rivolta costantemente verso il sole in tutte le sue traiettorie, di modo di captare al meglio la radiazione solare  diretta verso l’ Ampolla termo-elettrica: “solar ball”   . I motorini del dispositivo sono alimentati da un pannellino fotovoltaico collegato ad una batteria tampone. Naturalmente l’ Ampolla termo-elettrica: “solar ball” può funzionare anche senza inseguitore solare, in questo caso i rendimenti sono però inferiori, ma il costo di produzione si abbatte di circa il 50% .

Nota:
E’ in corso di realizzazione anche un prototipo di Ampolla termo-elettrica: “solar ball” che monta più lenti ottiche, una montata allo zenith, come nel modello qui descritto nella relazione, e le altre montate a macchia di Leopardo nella semisfera superiore, in grado di sfruttare al meglio i raggi solari lungo tutta la giornata in diversi allineamenti/fuochi, quante sono le lenti montate, (una diecina in totale), pensato per migliorare quindi l’ efficienza passiva del dispositivo, ma senza l’ uso dell’ inseguitore, e quindi più economico.

-L’ effetto elettrolisi dell’ acqua per la produzione di idrogeno e gas di Brown, una volta convertito il calore da essa prodotto in elettricità,  può anche fornire l’ energia per l’ elettrolisi dell’ acqua per la produzione di idrogeno e gas di Brown (ottimi combustibili ecologici e anche stoccabili…).

- L’effetto depurazione che si ha quando l’ acqua raggiunge o 115 gradi centigradi, vaporizza, e viene quindi distillata tramite il vapore generato e successivamente condensato. L'acqua distillata è un'acqua quasi del tutto priva di impurità, tra cui microorganismi, sali minerali e gas disciolti.  Questa temperatura che si raggiunge facilmente con la cattura l’energia solare ed espone l’acqua, inquinata, a una temperatura di 115 gradi che la rende potabile, nel caso si sospetti la presenza di composti chimici si monta per finire anche un filtro carboni attivi. La filtrazione con carbone attivo granulare utilizza una forma di carbone attivo con ampia area superficiale che assorbe molti composti, tra cui vari composti tossici.  Alla fine basta aggiungere un pizzico di argilla, o in alternativa un pizzico di sale rosa dell'Himalaya, per litro che ripristina il contenuto di sali minerali indispensabili all’ organismo.

- L’effetto dissalazione dell’ acqua del mare sempre conseguente al raggiungimento dei 115 gradi centigradi, vaporizza, e viene quindi distillata tramite il vapore generato e successivamente condensato. .  L'acqua distillata è un'acqua quasi del tutto priva di impurità, tra cui microorganismi, sali minerali e gas disciolti. Questa temperatura che si raggiunge facilmente con la cattura l’energia solare, ed espone l’acqua, inquinata, a una temperatura di 115 gradi che la rende quindi potabile. Nel caso si sospetti la presenza di composti chimici si monta per finire anche un filtro carboni attivi. La filtrazione con carbone attivo granulare utilizza una forma di carbone attivo con ampia area superficiale che assorbe molti composti, tra cui vari composti tossici.  Alla fine basta aggiungere un pizzico di argilla, o in alternativa un pizzico di sale rosa dell'Himalaya, per litro che ripristina il contenuto di sali minerali indispensabili all’ organismo.



                                                                                   Fig. 4 Schema funzionale.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu